La tecnologia tecar di Wintecare atterra a Cipro

In Wintecare crediamo fermamente che, per ottenere grandi risultati terapeutici, poter contare su un’ottima tecnologia sia fondamentale, ma non sufficiente.
 
La vera chiave per il successo sta nella combinazione fra l’apparecchiatura, l’expertise di terapisti preparati e l’utilizzo di programmi applicativi specifici per i casi da trattare.
 
E’ per questo motivo che investiamo molto nella formazione e nella ricerca, così come nella comunicazione a specialisti motivati che abbiano voglia di entrare a far parte del nostro mondo in modo da comprendere come integrare le proprie conoscenze ed esperienze con l’utilizzo specifico della nostra tecnologia tecar, per ottenere il miglior risultato nel minor tempo possibile.
 
La nostra continua e costante espansione ci ha portati questa volta fino a Cipro, isola dai paesaggi mozzafiato, dolcezza del clima e amabilità della sua gente, dove siamo stati accolti dal nostro partner cipriota Medlab che ringraziamo calorosamente. Medlab è un’azienda operante nel settore medicale da 14 anni, che gode di grande reputazione sul mercato grazie alla rappresentanza di aziende di altissimo livello sia per quanto riguarda la diagnostica che la riabilitazione.
 
Grazie agli sforzi congiunti, ci è stato possibile incontrare un parterre numeroso ed esigente di fisioterapisti molto interessati a conoscere tutte le specifiche di funzionamento della T-Plus e delle maggiori differenze con altre apparecchiature presenti sul mercato. Domande come “Che cos’è davvero una tecar?”, “Quali risultati si possono ottenere con un ottimo dispositivo tecar?”, “Cosa rende Wintecare il miglior dispositivo tecar sul mercato?” e altre ancora hanno trovato risposta nel corso del seminario tenutosi nell’affascinante ambiente cipriota. I nostri relatori, Claudio Freti e Javier Gonzales Gorriz, hanno condotto un workshop informativo che ha permesso di trovare le risposte a queste e ad altre interessanti domande.
 
Crediamo fortemente che le persone possano fare la differenza e che, per farlo, la conoscenza e gli strumenti giusti siano requisiti fondamentali.
 
Grazie Yannis, grazie Medlab… ci rivedremo presto!